Lezione 3: L'esposizione - parte 1

L'esposizione indica la quantità totale di luce che viene fatta giungere al sensore, abbinando l'apertura di diaframma e il tempo di posa. Otterremo l'esposizione corretta qualora risultino bilanciati tempo di posa, apertura e sensibilità (ISO).

Ciò significa che la giusta quantità di luce entrerà nell'obiettivo e verrà registrata dal sensore, e produrrà un'immagine correttamente esposta.


Qualora l'esposizione sia inferiore a quella corretta avremo delle zone d'ombra e il soggetto della nostra foto scuro, invece se essa risulta sovraesposta (un tempo troppo lungo e/o il diaframma troppo aperto) avremo un'immagine "bruciata", cioè tendente al bianco in quasi la totalità delle zone illuminate.
L'esposizione si misura in EV (valore di esposizione) ed è determinata con l'ausilio dell'esposimetro per il corretto bilanciamento di tempo di posa / apertura / sensibilità ISO.

Dobbiamo pensare all'esposizione come un bicchiere (la nostra reflex) sotto un rubinetto d'acqua (la luce) in cui la corretta esposizione si ha quando il bicchiere è pieno.
Possiamo decidere quanto aprire il rubinetto (apertura) e per quanto tempo (tempo di posa).
Così è la luce che viene registrata dal sensore. Più apriamo il diaframma e meno tempo sarà necessario; al contrario più chiudiamo il diaframma, più tempo dovremo far passare per ottenere una corretta esposizione.

0 commenti:

Posta un commento